Elenco generale argomenti e rubriche-

Il cervello resta giovane se amiamo la lettura

Mente e memoria più efficienti, se fin da bambini si coltivano lettura e scrittura

Cervello più giovane e memoria più efficiente anche in età avanzata, se si legge e si scrive di più fin da bambini. Lo dimostra una ricerca pubblicata sulla rivista Neurology da Robert Wilson della Rush University Medical Center di Chicago.

Lo studioso ha seguito 294 persone per svariati anni fino alla morte, in media fino agli 89 anni. I volontari hanno compilato un questionario sui loro stili di vita e passatempi, così i ricercatori hanno raccolto informazioni su quanto i partecipanti amassero leggere e scrivere e quanto si fossero dedicati alla lettura dall'infanzia in poi.

E' emerso che le persone che avevano coltivato la passione per la lettura e per la scrittura sin da bambini, avevano una mente più giovane rispetto a quella dei coetanei che non si erano dedicati a queste attività.

Fonte: ANSA, 04.07.2013 - http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/stilidivita/2013/07/04/Se-ami-lettura-tuo-cervello-restera-giovane-piu-lungo_8973118.html|09

Lui e lei a passeggio…con il cellulare

Stare insieme e dialogare comporta anche riservare un tempo esclusivo per l’altro. Proteggiamo la vicinanza fisica dalle interferenze. Facilitiamo la relazione e un’amicizia più profonda dedicando le nostre attenzioni soprattutto a chi ci sta accanto

Lui e lei a passeggio per la città, mano nella mano. Li vedi rilassati, tranquilli, contenti di stare insieme. Entrambi parlano con qualcuno al cellulare. Che cosa curiosa. Mano nella mano, teneramente, e, nello stesso tempo, ci sono con loro altre due persone, che prendono la loro attenzione e la conversazione, da una parte e dall’altra. Beh, che cosa c’è di strano? E’ arrivata una chiamata a lui, un’altra a lei e si sono messi a parlare con chi li ha chiamati.

Leggi tutto...

La vera arte della conversazione
non sta soltanto
nel dire la cosa giusta al momento giusto,
ma, ancor più difficile,
nel trattenersi dal dire la cosa sbagliata
quando si è tentati di farlo.

Dorothy Nevill 

"Ho sbagliato persona"

E’ il pensiero che può venire in mente nei momenti di crisi. In realtà le difficoltà non sono un'eccezione nella vita di una coppia, ma fanno parte del percorso

Le frasi e i giudizi che pronunciamo interiormente, nel nostro intimo esercitano un influsso sulle nostre emozioni e sull’orientamento del nostro pensiero. Possono influire anche sui nostri atteggiamenti e comportamenti, se lasciamo libero il flusso delle parole interiori, senza “prenderle in mano” e governarle con un ragionamento libero. Se ad esempio penso: “Ancora una volta non mi ha capito…”, “Insiste con quel suo comportamento che mi dà ai nervi”, “Anche una settimana fa è successo lo stesso”, “Non è proprio capace di mettersi nei miei panni”, mi caricherò interiormente di un clima di sfiducia e di amarezza.

Leggi tutto...

Neo mamme: Il primo nemico è la solitudine

Ascoltare e parlare di più con le giovani mamme

Secondo l'indagine dell’ISS, il 32,6% delle neomamme intervistate a tre mesi dal parto hanno definito la propria situazione poco soddisfacente.
Si tratta di difficoltà psicofisiche o ambientali legate al puerperio che non vanno confuse con la depressione post parto. “Disturbo che tuttavia esiste, e che, precisa Roberta Anniverno, direttrice del consultorio psichiatrico dell'ospedale milanese Macedonio Merloni, “è una realtà clinica che richiede un preciso percorso di cura. Una migliore informazione potrebbe risolvere parecchi problemi.

Leggi tutto...

Lunedì, 25/06/2018

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.