Frasi da ricordare

 

“Dialogare significa mettersi in gioco, accentando di avere come interlocutore non chi è pronto ad applaudirti, ma chi ha punti di vista differenti” (Z. Bauman, Famiglia Cristiana, 09.11.14). Mettersi in gioco significa accettare di confrontarsi alla pari, riconoscere pienamente la dignità dell’altro, non giudicarlo, accogliere il pensiero diverso dal mio, anche se non lo condivido.

“Io e mio marito, dopo sette anni insieme, ci siamo scoperti estranei e ci siamo resi conto che questo poteva portare alla fine del nostro matrimonio. Così abbiamo deciso di porci a vicenda ogni settimana quattro domande: Che cosa vedi in me? Come accettiamo di essere "piegati" dalle prove? Che cosa c'è stato di bello e positivo nella scorsa settimana? Cosa mi suggerisci per la prossima settimana?

Aldegonde Brenninkmeijer-Werhahn, in Noi genitori e figli, 30.11.14

Nelle questioni educative non si dovrebbe mai drammatizzare. Non conta tanto il successo delle singole battaglie, piccole o grandi che siano. 

La vera sfida della crescita si gioca sui tempi lunghi, e il problema non è vincere o perdere le singole battaglie, ma vincere la guerra. Questo è possibile se riusciamo a mantenere la fiducia in noi stessi e nel valore della nostra proposta, così come la fiducia nei nostri figli e nella loro capacità di diventare adulti di valore.

 

M. Ceriotti Migliarese, La famiglia imperfetta, p 151

 

La radicale presunzione del padre è pensare che ci sia qualcosa di più importante che prendere il thè (per finta) con sua figlia di 3 anni. O quello che sia, vale a dire: qualcosa che per un uomo adulto sia una noia e una sciocchezza, ma per una bambina è vitale. Questa è l'origine di tutti gli errori, che si scontano anche 50 anni dopo.

Aurelio Romano

 

https://www.facebook.com/groups/279929062185139/

Io so gli odori dei mestieri:
di noce moscata sanno i droghieri,
sa d’olio la tuta dell’operaio,
di farina sa il fornaio,
sanno di terra i contadini,
di vernice gli imbianchini,
sul camice bianco del dottore
di medicine c’è buon odore.
I fannulloni, strano però,
non sanno di nulla e puzzano un po’.

 

Filastrocca tratta da "Filastrocche in cielo e in terra" di Gianni Rodari ed. Einaudi.

Pagina 1 di 3

Sabato, 16/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»Rubriche»Frasi da ricordare

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.