“Non sono stato io!!!”

E’ un bel problema. Un bambino che sa di non essere stato lui a combinare il pasticcio, a rompere il vaso regalato dalla zia, e non riuscire a dimostrarlo. Non è semplice affermare e descrivere la verità. Soprattutto per un bambino, che non ha ancora acquisito la capacità di argomentare, di dimostrare i fatti, di descrivere gli eventi con ordine.

Aiutiamolo, non limitiamoci a cercare chi è il colpevole, non concentriamoci sul vaso rotto, sul danno. E’ invece un’occasione per insegnare a esprimersi. “Spiegami come sono andate le cose”, “Voglio capirti bene”, “Mi interessa quello che è successo”.

Dimostrare che la nostra intenzione non è soprattutto trovare il colpevole, ma conoscere la realtà dei fatti. Conoscere bene la realtà nel suo insieme, la verità è più importante di riconoscere il colpevole (che pure fa parte della realtà), la verità è più importante dell’incidente in sé e del danno che ha causato. Questo è già un bel messaggio da lasciare al bambino. L’incidente è inoltre un’occasione per aiutarlo a esprimersi liberamente, superando i timori e l’emozione: se incontra apertura e disponibilità, per lui sarà più facile.

Lascia un commento

Lunedì, 23/10/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»I figli»I più piccoli»“Non sono stato io!!!”

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.