Imparare a ricominciare ogni volta che si è sbagliato

Una sfuriata, la porta sbattuta, urlate girando per casa, giudizi brutali, accuse esagerate… Poi si resta male da una parte e dall’altra. Non abbiamo il coraggio di parlarci, di guardarci. Teniamo il muso, ci chiudiamo in noi stessi e nel nostro silenzio risentito o imbarazzato, con un sentimento di impotenza.

Ma è l’immaginazione e l’orgoglio che il più delle volte ingigantiscono il problema.

Facciamo un bel respiro profondo, poi un altro e un altro ancora. Scegliamo il modo di calmarci: sediamoci oppure camminiamo sempre più lentamente, oppure facciamo una breve passeggiata all’aperto. Poi rielaboriamo nella nostra mente l’accaduto e “smontiamo i pezzi”, li esaminiamo da vicino uno per uno – quella frase, un sentimento, un pensiero – e con calma arriviamo alla verità su noi e su quello che è accaduto. Siamo sinceri con noi stessi.

“Imparare a ricominciare ogni volta che si è sbagliato è uno degli apprendimenti più necessari e importanti per vivere bene, e possiamo farne esperienza proprio in famiglia, così come possiamo imparare che si può chiedere scusa e venire sempre perdonati, e che si può imparare a riparare le relazioni nella sicurezza protettiva del legame reciproco” (M. Ceriotti Migliarese, La Famiglia imperfetta, ARES, p. 27).

Se c’è fiducia e desiderio di volersi bene, la maggior parte delle situazioni è riparabile. Se si punta sull’amore reciproco, si utilizza tutto, non si butta via niente di quello che accade in famiglia; tutto serve per imparare in continuazione e per affinarsi nella relazione reciproca.
 

Lascia un commento

Lunedì, 23/10/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»L’arte di comunicare»Dialogo, accordo e conflitti»Imparare a ricominciare ogni volta che si è sbagliato

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.