Ascoltare o dare consigli?

Dipende. Dare consigli ci fa sentire utili, dimostra a noi stessi e agli altri che siamo competenti in un certo campo, ci fa provare una sensazione di controllo della realtà e anche dei problemi dell’altro. Vedete però: ci fa sentire, dimostra a noi stessi, ci fa provare…: fin qui siamo centrati su noi stessi. E’ un paradosso: voglio aiutare l’altro con un consiglio e tutto parte e si incentra su me e sul mio pensiero, su quello che ricevo io da questa azione di attenzione e di consiglio all’altro.

Rovesciamo la situazione. Voglio partire dall’altro, quindi inizio con il desiderio del suo bene, che ancora non so quale sia, dato che chi ho di fronte ancora non si è espresso. A volte siamo così desiderosi di aiutare e quindi di appagare il nostro desiderio di autoaffermazione, che ci precipitiamo nell’aiuto e nel consiglio ancor prima di aver capito bene che cosa serva in quel momento. Calma, ripeto, partiamo dal suo bene: qual è?
Lo guardo con attenzione senza invaderlo con un’occhiata interrogativa e indagatrice che vorrebbe comunicare “dì pure a me, che ti capisco e so che cosa ti occorre”.
Attendere. Sorridere. Un gesto di accoglienza, di apertura. L’altro si sente a suo agio, siamo alla pari, sullo stesso piano; io non sono più forte di te perché ti trovi in un momento di dubbio e di debolezza, mentre io sono sereno e mi sento sicuro. No, uguali, della stessa natura umana capace di eroismo e passibile di debolezza e smarrimento. Così si favorisce l’apertura e lo scambio reciproco di parole, sentimenti, pensieri, ragionamenti.
L’altro sente che è accolto (non basta che noi abbiamo il desiderio sincero di dimostrarci accoglienti) che è ben voluto, che non è e non sarà giudicato.
E al termine della confidenza, è sempre necessario esprimere un parere, un giudizio, suggerire qualche strada? Dipende. L’altro lo desidera? “Sicuramente!”, posso immaginare io in modo precipitoso, “se si confida con me vuol dire che si aspetta il mio parere”. Non sempre, non in tutte le occasioni. A volte basta l’ascolto interessato e partecipe, manifestato con gesti e semplici parole di assenso e di comprensione. Tutt’al più possiamo chiedere: “Desideri il mio parere? Che cosa posso fare per te? Posso suggerire qualcosa?”. In questo modo si lascia libertà totale all’altro e avremo svolto un buon servizio.

Lascia un commento

Lunedì, 18/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.