“E tagliati i capelli!...”

È veramente la cosa più importante? Sì, può risultare fastidioso vedere nostro figlio con criniera leonina attraversata da turbini di vento. Però…che cosa accade se insistiamo sul taglio dei capelli? Lui sbuffa, si stufa e se ne va o si chiude in camera (è l’unico modo che ha per difendersi). Le comunicazioni si interrompono e valle tu a riallacciare poi! Come si fa? E ci sono argomenti importanti in ballo di cui vorremmo parlare con lui. Gelosie verso il fratello, scuola, tempo dedicato alla playstation, cotte…e altro ancora. Ma se le trasmissioni sono interrotte per via dei capelli, ci siamo giocati la possibilità di dialogare anche su tutto il resto. Meglio ridurre un po’ la nostra sensibilità alle criniere scomposte e cercare di mantenere sempre il dialogo, anche se la pensiamo in modo diverso. Come si fa? Sfumare di più sui capelli (e non sfumare i capelli), abbassare i toni, e fargli capire che gli vogliamo bene anche con i capelli così. E lui può imparare ad accettare il nostro desiderio di vederlo più in ordine.

Lascia un commento

Mercoledì, 18/10/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»I figli»Mondo giovani e adolescenti»“E tagliati i capelli!...”

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.