Alt agli sprechi alimentari

di Marco Manica 

Anche in tempi di crisi purtroppo le famiglie italiane sprecano prodotti alimentari, circa 76 kg a testa l’anno. Sono i dati forniti dal Waste Watcher, l'Osservatorio internazionale contro gli sprechi attivato nell'ambito dell'Università di Bologna (fonte: M. Rubino, Sprechi alimentari: ogni anno in Italia si buttano 76 Kg di cibo a testa, La Repubblica 20.05.2013). 

Questi risultati sono emersi da un sondaggio effettuato su duemila cittadini italiani maggiorenni, stratificati per genere, zona ed età. Metà degli intervistati ritiene grave il problema e richiede una maggiore informazione sull'argomento. 

Perché questi sprechi? Per consumismo, carenza culturale ed educativa, eccessivo benessere, superficialità e pigrizia, incapacità di gestione del bilancio familiare, condizionamento del mercato, tempi frenetici, scadenze ravvicinate.

E’ importante un’educazione familiare a stili di vita più attenti a un consumo ragionevole che eviti sprechi. In casa si imparano buone abitudini che, oltre a ridurre le spese, possono consentire di andare incontro a chi non ha risorse sufficienti per assicurare alla propria famiglia un’alimentazione adeguata.

Si riscopre così l’arte di cucinare con gli avanzi, acquistare al supermercato quantità inferiori, fare più attenzione alle date di scadenza dei prodotti, disporre più in vista in frigorifero i cibi a breve scadenza. 

I figli imparano dalla vita e dai comportamenti più che dai discorsi. Attenzioni come quelle indicate, spiegate ai ragazzi e svolte con la loro collaborazione, insegnano a vivere.

Additional Info

  • Sottotitolo: Cominciamo a impararlo e a insegnarlo in famiglia: ogni anno in Italia si buttano 76 kg di cibo a testa

Lascia un commento

Venerdì, 15/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»Rubriche»Famiglia eco solidale»Alt agli sprechi alimentari

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.