2014: Vedere il futuro con uno sguardo da amico

Il futuro di cui ci siamo preoccupati in passato è trascorso. Oggi come lo vediamo? Forse è stato meno duro e impegnativo di quello che avevamo immaginato. E il futuro che oggi ancora non c’è? 

Possiamo imparare dall’esperienza trascorsa e trattare il futuro con meno sospetto e atteggiamenti difensivi; rivolgergli invece uno sguardo da amico: è un modo per disporci meglio nei suoi confronti. Come si può addomesticare un po’ il futuro? (più che il futuro, il nostro atteggiamento verso di esso). Utilizzando bene il presente e ottenendo buoni risultati, anche piccoli, ogni giorno. Spezzettare il futuro in tanti piccoli segmenti, per avvicinarlo a noi. Il futuro di questa mattina, di oggi pomeriggio, di questa sera: futuri più controllabili e prevedibili. Se alla fine della giornata posso riassumere un bilancio positivo del bene compiuto, delle attività portate a termine con competenza, di relazioni con gli altri riuscite -  nonostante errori, vicissitudini, ostacoli -, posso sentirmi contento del breve futuro, ormai trascorso, della mia giornata e affrontare con più speranza e serenità il prossimo futuro di domani. Buon proseguimento!

 

Marco Manica

Lascia un commento

Venerdì, 15/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»L’arte di comunicare»Visione della vita e comunicazione»2014: Vedere il futuro con uno sguardo da amico

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.