Adolescenti e network

"Qual è la sua più grande paura?", le chiede Alessandra Menzani, l'autrice dell'intervista (A n. 16, p 48, 13 aprile 2012).

«Cerco di trasmettere l'importanza del contatto vero, fisico. A quell'età chattano per tanto tempo con persone che li attraggono. Dicono cose incredibili. Si confidano. Diventano amici per la pelle. Amici un cavolo: non si sono mai conosciuti. Lo fanno tanti. Tramite Facebook si parlano, iniziano un rapporto ma non hanno il coraggio di incontrarsi. Più diventa intimo il rapporto, meno vogliono conoscersi. (...)". 
"E una mamma cosa può fare?"

«Ora Aurora ha il permesso di stare solo un'ora al giorno al computer. Purtroppo la responsabilità grande è delle scuole: danno tutti i compiti al computer. (...). Poi, mentre fanno i compiti, scatta la chat. Quindi fanno tutto contemporaneamente. C'è l'amico, l'altro amico, poi c'è skype che tengono acceso.

Alessandra Menzani, "Io via da Twitter. E per mia figlia Aurora non più di un'ora su Facebook", A n. 16, p 48

Additional Info

  • Sottotitolo: Michelle Hunziker: Per mia figlia Aurora (15 anni) non più di un’ora su Facebook

Lascia un commento

Lunedì, 18/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»Rubriche»L'opinione»Adolescenti e network

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.