Internet in famiglia: i rischi e le precauzioni

"Antonio Brighenti ha 49 anni e due figli adolescenti: «La raccomandazione che faccio loro più di frequente quando escono di casa? Casco in testa e se fate tardi telefonate». Scusi, e quanto a Internet? «Beh, cosa devo raccomandare? Di non starci troppo, forse».

La strada virtuale fa meno paura di quella reale. Almeno ai genitori italiani. Illusi, analfabeti digitali o solo meno apprensivi rispetto agli altri europei?. Otto genitori italiani su dieci lo hanno dichiarato ai ricercatori del progetto Eu Kids Online: «È altamente improbabile che mio figlio possa imbattersi in una situazione spiacevole su Internet». (Alessandra Mangiarotti, La 27a ora).

L'indagine, finanziata dall'Unione europea e coordinata dalla London School of Economics and Political Science, ha fotografato il rapporto con Internet di oltre 25 mila ragazzi tra i 9 e i 16 anni (e loro genitori) di 25 Paesi europei. Ne viene fuori un ritratto con abitudini e rischi: dalla pornografia al bullismo, dal sexting (l'invio di messaggi a sfondo sessuale) agli incontri con persone conosciute online.

L'uso di Internet è profondamente radicato nelle abitudini dei ragazzi. Il 93% va online almeno una volta alla settimana, in Italia il 60% dei ragazzi usa Internet tutti giorni o quasi. I bambini cominciano a usare Internet sempre prima, tra i sette e i 10 anni.

Internet aiuto per i compiti, ma...

I ragazzi svolgono molte attività online potenzialmente vantaggiose, per esempio l'85% usa Internet per i compiti, però con quale criterio? "Una conseguenza imprevista di questa disponibilità di risorse di facile accesso è l'anoressia decisionale, - sostiene Michele Crudele, direttore del centro di formazione professionale ELIS di Roma -. Si manifesta soprattutto nella mancanza di elaborazione critica e di capacità di sintesi. Non è più necessario faticare per ottenere qualcosa: basta Google al quale deleghiamo la decisione di scegliere, oppure non scegliamo, scaricando tutto".

Tuttavia, nonostante l'utilizzo massiccio delle nuove tecnologie, quando si tratta di parlare di cose importanti solo l'8,4% degli adolescenti dichiara di affidarsi ai Social Network mentre il 75% dei giovani ritiene importante affrontarle di persona, parlando "faccia a faccia". Forse è proprio da qui che si può ripartire.

Consigli utili per la gestione di internet in famiglia

Il portale meno adatto ai bambini è Libero.it, che ha spesso contenuti indecenti in prima pagina e sezioni erotiche facilmente accessibili, spacciate per glamour o gossip o semplicemente notizie: addirittura la sezione dedicata all'economia è a volte chiaramente oscena. I siti di social networking come YouTube, Facebook e MySpace contengono ancora materiali indecenti prodotti dagli utenti, nonostante la politica di rigore morale che hanno adottato negli ultimi tempi: a volte è necessaria una procedura di registrazione per accedere, con la dichiarazione di essere maggiorenni (ma è semplice mentire...). Questa diffusione fa sì che sia sempre più facile per un bambino incappare involontariamente in siti inadatti e pericolosi. I nostri consigli sono frutto di esperienza e non significano preferenze per un'azienda o per un'altra.

Strumenti informatici di protezione

  • Windows: attiva il controllo genitori incorporato e abilita gratis Windows Live Family Safety, oppure scegli uno degli altri programmi di parental control. Per i bambini più piccoli, applica il modello biblioteca di casa.
  • Mac OS X: attiva i "controlli censura" incorporati.
  • Linux: usa DansGuardian, gratuito per uso non commerciale.

In tutti i casi, imposta la protezione familiare del tuo motore di ricerca preferito. Quasi tutti i motori hanno preimpostato il filtro moderato sulle immagini e filmati. Alcuni permettono anche di evitare che i figli possano cambiare l'impostazione. Leggi le istruzioni per Google, Yahoo, Alice, Libero.it e Bing.

Se hai più computer connessi in rete cablata o senza fili, devi installare il sistema di filtraggio su ciascuna macchina oppure ricorrere a una delle soluzioni proposte per la scuola.

Questi ed altri consigli nel sito http://www.ilfiltro.it

L’acqua è buona, ma se non è pura va filtrata. Anche internet.

Le vostre opinioni, domande, esperienze

Che cosa raccomandate ai vostri figli quando navigano sul web?

Scrivete qui le vostre risposte e i vostri commenti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Additional Info

  • Sottotitolo: Un'indagine europea ha fotografato il rapporto con Internet di oltre 25 mila ragazzi

Lascia un commento

Sabato, 16/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»Famiglia e società»Famiglia, media & internet»Internet in famiglia: i rischi e le precauzioni

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.