La felicità si alimenta anche di parole

Il problema di essere felici o infelici dipende, per una percentuale altissima, dalle parole che ci diciamo e dai sentimenti e dal modo con cui ce le diciamo. Ho visto gente distruggersi con le parole; ho visto gente distrutta ricostruita dalle parole. Il potere della parola malevola è devastante; il potere della parola buona è creativo e ricostruttivo. Il dialogo o ci fa o ci disfa.

Giuseppe Colombero, Dalle parole al dialogo, San Paolo Ed.

La parola nasce dal nostro intimo, dalle profondità del cuore, non solo dalla mente. Se il cuore è sereno e limpido, la nostra parola rispecchierà quello stato. Non è possibile sempre. Quando c'è tempesta e oscurità in noi? Possiamo evitare di parlare perché sappiamo che potremmo dire quello che non vorremmo; attendere che la bufera passi. Oppure possiamo confidarci con qualcuno che ci può capire e consigliare. Ma possiamo anche individuare l'origine di quel disagio dentro di noi, imparare qualcosa di più sul nostro conto. Prendere coscienza del nostro intimo in subbuglio ci permette di domandarci: "Che ne faccio di questo nubifragio? Che risposta gli do?". Perché voglio essere libero di agire e di parlare come voglio, nonostante le emozioni siano avverse. Faccio emergere parole serene e di benevolenza, nonostante il malumore. Non è ipocrisia, cioè mostrare all'esterno una realtà contraria alle mie vere intenzioni, alla mia volontà. E' proprio il contrario: dimostrare con il mio comportamento quello che voglio veramente. Mi sento sottosopra, ma voglio un dialogo cordiale, e così faccio funzionare la mia libertà di voler essere una persona cordiale, indipendentemente dalla difficoltà interiore del momento.

Lascia un commento

Domenica, 17/12/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»Rubriche»IDEA! Consigli pratici»La felicità si alimenta anche di parole

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.