Interiorizzare. Che cosa vuol dire? A cosa serve?

Leggo un libro in cui si parla di competenze nel lavoro. Una di queste è la flessibilità. Mi sembra che io ne abbia bisogno, tendo a essere rigido, a seguire schemi e regolamenti, e tengo a volte poco conto delle situazioni in cui si trovano le persone che lavorano con me. Desidero cambiare il mio atteggiamento. Ecco la prima occasione: un collega mi chiede un’informazione per proseguire nel suo compito. Cerco di mettermi nei suoi panni, valuto che il suo lavoro in quel momento è più urgente del mio e cerco subito la risposta da dargli, senza soffermarmi sul disagio che provo per l’interruzione del mio compito.

Ecco che cosa significa interiorizzare: sono passato da una teoria letta in un libro, a considerarla buona per me, a decidere di metterla in pratica, quindi ad agire in una determinata occasione secondo quanto ho imparato. Non resta una buona idea, ma la faccio mia, la interiorizzo, passa dalla testa alla mia vita.

Lo stesso processo può funzionare nel caso dobbiamo consigliare un figlio. Se si rifiuta di aiutare a apparecchiare la tavola perché vuole continuare a giocare, anziché obbligarlo – che resta pur sempre una possibilità – possiamo attingere all’esercizio di flessibilità che abbiamo fatto e invitarlo a riflettere sul fatto che tutta la famiglia sta per andare a pranzo e che il gioco potrà senz’altro proseguire dopo, “anzi, se vuoi giochiamo insieme dopo”.

Se chiede che gli spieghiamo un brano di antologia, possiamo semplicemente dare una scorsa veloce, leggere le note e fornire una spiegazione minima del testo. Oppure possiamo interiorizzare il testo. Lo leggiamo ad alta voce, ci soffermiamo sui punti che ci colpiscono o piacciono di più, diamo un’occhiata alla biografia dell’autore, leggiamo qualcosa della storia di quel brano per calarci nell’atmosfera e nel periodo in cui è stato scritto. Questo processo di interiorizzazione ci dà qualcosa di più della semplice e meccanica comprensione del significato letterale. Il piccolo nostro vissuto di quel brano offrirà a nostro figlio il testo rivisitato e illustrato dal genitore: spiegazione e vita.

Marco Manica

Additional Info

  • Sottotitolo: Un consiglio offerto a nostro figlio funziona meglio se proviene da una nostra interiorizzazione

Lascia un commento

Mercoledì, 18/10/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»L’arte di comunicare»Psicologia in pratica»Interiorizzare. Che cosa vuol dire? A cosa serve?

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.