Valorizziamo le differenze, sono una ricchezza

Guido è preciso e meticoloso, Luisa è immediata, intuitiva e spontanea.
G. “Perché lasci i piatti fuori, mettili nella lavastoviglie”
L. “Beh che importanza ha lo posso fare anche dopo”
G. “Ma la cucina resta in disordine”
L. “Eh disordine, disordine...!, ma è possibile che tu hai in mente solo il tuo ordine?!”
G. “E’ per renderci la vita più semplice”L. “Veramente la rendi difficile a me in questo modo”
G. “Ma Luisa, lo faccio per il bene di tutti, anche i bambini così imparano a essere ordinati”
L. “E un po’ di spontaneità, non fa bene anche ai bambini?...”

I nostri due amici si concentrano troppo sulle differenze. Si possono vedere le differenze tra persone come una minaccia, qualcosa da eliminare anziché valorizzare.
Spendiamo troppo tempo nel criticare la diversità dell’altro. Diversità da cosa poi? Quale sarebbe il punto di riferimento? Il mio io. Lei, lui è differente da me, ha un modo di pensare differente dal mio, un modo di agire e di reagire molto diverso dal mio, io non farei mai così.
E meno male che ci sono le differenze! Che vita famigliare sarebbe altrimenti? Anziché investire tempo e energie nel cercare di convincere il coniuge che “sarebbe meglio se tu…”, investiamo risorse nello scoprire le diversità dell’altro, valorizzarle e dimostrare sostegno.
Uno è veloce e efficiente e l’altro se la prende con calma, uno parla molto, l’altro è un buon ascoltatore, uno è riflessivo, l’altro è immediato e spontaneo. Proviamo a vedere i vantaggi, i benefici di queste caratteristiche. Giorgio è preciso? Organizzerà bene l’accompagnamento e il prelievo dei bambini a scuola e alle altre attività. Giulia è brava a preparare una sorpresa per tutti e a tenere a bada i bambini a casa con la sua inventiva, la sua improvvisazione, la sua creatività e i bambini con lei sono sempre contenti e fanno quello che devono.
Invece di criticare, proviamo a descrivere le caratteristiche uniche dell’altro; usciamo dalla spirale dei confronti per parlare dell’unicità di ognuno e valorizzarla.
“Giulio, hai organizzato alla perfezione questa riunione di famiglia, sei stato molto bravo”.
“Luisa, guarda come sono stati bene i bambini e i loro compagni. Hanno giocato e studiato insieme tutti contenti. E’ merito tuo”.

Marco Manica

Additional Info

  • Sottotitolo: Usciamo dalla spirale dei confronti e parliamo delle caratteristiche positive di ognuno

Lascia un commento

Domenica, 22/10/2017

Ultimo aggiornamento03:21:24 AM

I più letti del mese

Contatti

Seguici

Ti trovi qui:Home»Macroaree»L’arte di comunicare»Visione della vita e comunicazione»Valorizziamo le differenze, sono una ricchezza

Utilizziamo i cookie esclusivamente per consentire e facilitare la tua navigazione nel sito.

Se consulti il nostro sito, assumiamo che tu lo faccia liberamente e che sia d'accordo con quanto indicato sopra.